Biography

Biography

Biography

I started playing the trumpet when I was 6 years old under my father's guidance, a great musician even though he never played professionally; surely I owe him my passion for the trumpet and for music in general.

When I was 9 years oid I enrolled in the course of the Rossini musical band in Bologna where Maestro Ferioli, a retired policeman, taught. I remember that he told me to study 8 hours a day and tighten the belt to avoid hernias. I remember him with great affection. He took me then to attend the admission exams to the GB Martini Conservatory of Bologna, in which I was accepted with the highest marks. After 4 years of study, due to a lack of charisma of the teacher and serious topics, I decided to devote myseif to something else. As the years passed I continued to play mainly in the band. Back home from the mandatory military year of service, my father came to me one day and said, “Look, I have been given this reference card of Mr. Giancario Parodi; it says here that he has studied trumpet in the United States". It was in 1986 that I drove my car from Bologna to go to a place called  “I MAGGI” near Sant’Agata Bolognese (BO), my America! I was Parodi's first student and, I say it with great pride, the first of a long series that continues to this day. From there began my journey that brought me up here, to have wonderful musical experiences of all kinds, from directing a band, playing in recording studios, teaching at summer courses such as “Siena Jazz’, playing with important names of the nationai and internationai scene, playing lead trumpet in television programs.

 

Ho iniziato a suonare la tromba all’età di 6 anni sotto la guida di mio padre, un musicista straordinario anche se non ha mai fatto la professione; devo di sicuro a lui la mia passione per la tromba e per la musica in generale.

A 9 anni mi iscrissi al corso musicale della banda Rossini di Bologna dove insegnava il M° Ferioli, un trombettista carabiniere in pensione; ricordo che mi diceva di studiare 8 ore al giorno e di stringere la cinghia per evitare le ernie (un concetto a dir poco culturistico). Mi portò quindi a far l’esame di ammissione al conservatorio G.B.Martini di Bologna, dove entrai col massimo dei voti. Dopo 4 anni di non studio per mancanza di carisma dell’insegnante e di seri argomenti, decisi di dedicarmi a qualcos’altro. Passarono gli anni e continuai a suonare prevalentemente in banda. Quando mi congedai dal militare, mio padre un giorno arrivò a casa dicendo: “guarda, mi hanno dato questo biglietto da visita di un certo Giancarlo Parodi, dice che ha studiato in America”. Era il 1986 quando partii con la mia macchina da Bologna per andare alla località ”l MAGGI” vicino S.Agata Bolognese (BO), la mia America! Fui il suo primo allievo e, lo dico con grandissimo orgoglio, il primo di una lunghissima serie che continua a tutt’oggi. Da li iniziò il mio percorso che mi ha portato a vivere bellissime esperienze musicali di ogni genere, dal dirigere una banda, allo studio di registrazione, corsi estivi tipo “Siena Jazz”, suonare con nomi importanti della scena nazionale ed internazionale, suonare come prima tromba in trasmissioni televisive.